La Corte di Cassazione, con sentenza n. 9957 del 2020, ha enucleato come "esuli dai poteri istituzionali dell'assemblea dei condomini la facoltà di deliberare o consentire opere lesive del decoro dello edificio condominiale, alla stregua dell'art. 1138, comma 4, cod. civ.". Nello specifico "costituisce innovazione lesiva del decoro architettonico del fabbricato condominiale, come tale vietata, non solo quella che ne alteri le linee architettoniche, ma anche quella che comunque si rifletta negativamente sull'aspetto armonico di esso, a prescindere dal pregio estetico che possa avere l'edificio. L'alterazione di tale decoro è integrata, quindi, da qualunque intervento che alteri in modo visibile e significativo la particolare struttura e la complessiva armonia che conferiscono all'edificio una sua propria specifica identità". 

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (Cass. n. 9957 del 2020.pdf)Cass. n. 9957 del 2020.pdf 50 kB
TAGS: