La Corte di Cassazione con sentenza n. 12174 dell’8 Maggio 2019 ha enucleato che «ai fini della pronuncia di cui all'art. 3, comma 2, D.Lgs. n. 23 del 2015, la insussistenza del fatto materiale contestato al lavoratore, rispetto alla quale resta estranea ogni valutazione circa la sproporzione del licenziamento, comprende non soltanto i casi in cui il fatto non si sia verificato nella sua materialità, ma anche tutte le ipotesi in cui il fatto, materialmente accaduto, non abbia rilevo disciplinare».

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (12174 del 2019.pdf)12174 del 2019.pdf 85 kB